Il nostro progetto

Il sito Dibattito Scienza nasce da un gruppo Facebook con lo stesso nome che è riuscito ad aggregare oltre cinquemila persone tra ricercatori, insegnanti, giornalisti, docenti universitari, blogger e semplici cittadini, accomunati da un forte interesse per l’interazione tra scienza e politica nel senso più nobile del termine.

Dibattito Scienza vuole replicare in Italia l’esperienza di Science Debate, l’iniziativa americana che da anni invita i candidati alla Presidenza degli Stati Uniti a esprimere il proprio punto di vista su temi legati alla scienza, alla tecnologia e alle politiche della ricerca. Cambiamenti climatici, biotecnologie, robotica, intelligenza artificiale: negli anni a venire la politica dovrà elaborare programmi per affrontare problemi che richiedono solide competenze scientifiche e capacità di adottare decisioni razionali e competenti, non dettate dalla convenienza personale o dalla ricerca del consenso. Il fine ultimo della nostra iniziativa è dunque far entrare nel dibattito politico l’approccio razionale alla risoluzione di alcuni problemi, tipico della ricerca scientifica, attraverso domande mirate e specifiche ai candidati delle elezioni politiche ed eventualmente delle primarie, per quei partiti o movimenti che le adotteranno.

Dibattito Scienza rimarrà in attività anche dopo le elezioni, come “sentinella” delle promesse o delle dichiarazioni dei politici, in modo da aggregare i ricercatori, i comunicatori e chiunque voglia intervenire, e offrire una nuova chiave di lettura per l’interpretazione della realtà politica.